Nick:  Password:  Ricordami: Cookies non abilitati!    Ricorda Password  REGISTRATI
Home   
Cos'è il BDSM   
News   
Novità   

ConCorsetto   
Gallery   
Forum   
Taccuini   
Puntine   

L'Esperto   
Pervipedia   
Interviste   
Articoli   
Poesie   
Racconti   

Regioni   
Eventi&Feste   
Inserzioni   

Sondaggi   
Links   

Help e FAQ   


La Sicurezza nel Bondage
di Esinem
inserito da Abatenero - 16/10/2011 - Letto 3651 volte.
Articolo tratto da Wipipedia, enciclopedia libera a tema BDSM supportata dall'organizzazione BDSM London Fetish Scene, e quotata da Informed Consent

L'autore è il noto e grande bondager Esinem, www.esinem.com


 


Sicurezza nel Bondage


Questa è una pagina di puro orientamento, non è esaustive né è stata scritta da personale medico qualificato. Aggiunte e correzioni da parte di personale medico o di esperti della materia saranno benvenute.


Il Bondage è probabilmente la pratica più rischiosa del BDSM, ma anche la più popolare, specie tra i neofiti. Gli incidenti capitano. Molti dei più esperti praticanti hanno avuto incidenti. Lo Shibari, nella sua forma originale, fu ideato non solo per immobilizzare, ma anche per torturare ed uccidere. Non sottostimate gli effetti anche di una legatura relativamente semplice. Divertitevi, ma andateci piano e non affidatevi al caso.


Poiché le sospensioni incrementano notevolmente il rischio, non dovrebbero essere tentate senza la guida personale di un praticante esperto.


Non fidatevi delle foto di bondage che trovate sul web come guida per legature sicure. Molto probabilmente si tratta di foto di esperte modelle di bondage, tenute in posizione solo per i pochi secondi necessari a scattare la foto, ed assistite da un intero staff di personale esperto. Molto di quello che vedete non è in realtà per niente sicuro. Per di più, l'uso dei software di ritocco fotografico consente di simulare facilmente l'impossibile.


Tenete sempre a portata di mano un attrezzo in grado di tagliare rapidamente la corda più robusta che avete, per esempio forbici EMT (Emergency Trauma shears, le forbici utilizzate per liberare rapidamente dai vestiti i pazienti in emergenza al pronto soccorso) o quelle per tagliare le ingessature. Se usate catene, vi servirà una tronchese. Se ne avete bisogno, è probabile che ne avrete bisogno in fretta. L'uso di ganci antipanico per tutte le corde che sopportano un peso è di grande aiuto, perché può essere davvero difficile liberare una persona dalla sospensione una volta che è diventata un peso morto (cioè una volta svenuta). Da molti punti di vista, è meglio sopportare le conseguenze di una caduta che restare appesi ad una sospensione mentre si è svenuti. A meno che il loro posizionamento non sia stato attentamente studiato, i ganci antipanico provocheranno un rilascio improvviso della persona, e questo può comportare ulteriori complicazioni, se i punti di sospensione sono più di uno. Come anche le sospensioni, l'uso ed il posizionamento dei ganci antipanico deve essere pensato con cura, con un occhio alle possibili sequenze di eventi scatenate da un incidente ed a come poter mantenere la sicurezza durante il loro succedersi.


Monitorate attentamente la persona legata. La comunicazione è essenziale. Controllate il sopravvenire di qualunque disagio, o se un nodo od una corda possono essere aggiustati per ottenere un risultato migliore. Un nodo che preme od una corda che sfrega possono rovinare l'intera esperienza. Mantenere il contatto tra gli occhi può comunicare moltissimo. Controllate anche il respiro e la temperatura della pelle.


Assicuratevi di stabilire una safeword inequivocabile. Una safeword può essere ogni prestabilito segnale o parola per terminare la sessione o modificarne l'intensità Questo è vitale quando parole come "No" od altre suppliche dovessero far parte del gioco. I colori, per esempio, sono una scelta popolare, per esempio, Rosso = fermati immediatamente, Arancione = sto arrivando al limite, Verde = vai pure avanti. Le safewords sono importanti e devono sempre essere immediatamente obbedite. Non provate nemmeno a scherzarci su facendo finta di ignorarle. Se avete anche il minimo dubbio che la persona che vi legherà non le rispetterà, andatevene. Qualunque Dominante esperto sarà abbastanza consapevole da mettere nel conto il loro uso, e qualunque bravo Dominante le prenderà molto sul serio.


La doppia stretta è un'utile tecnica di sicurezza: il legatore stringe due volte in rapida successione la mano della persona legata; se tutto va bene, la doppia stretta viene restituita. La mancata risposta deve suonare come un campanello di allarme.


È raccomandabile avere familiarità col pronto soccorso e la rianimazione.


 


Cadute e svenimenti


Il rischio più ovvio di cadute e svenimenti sono le ferite da impatto col pavimento od altri oggetti.


Per ridurre al minimo il rischio di svenimenti, occorre assicurarsi che la persona che sarà legata abbia assunto cibo da poco e che non rischi la disidratazione. E' bene avere a portata di mano bevande energetiche, acqua e merendine. Alcol e droghe (sia legali che non) devono essere evitati, perché incrementano il rischio di incidenti.


In ogni caso, il Bondage comporta di per sé rischi addizionali. Fate molta attenzione a cosa legate ad oggetti inamovibili o molto pesanti. Per esempio, le conseguenze di legature che coinvolgano piercings a seguito di una caduta possono essere molto spiacevoli, per non pensare a quel che potrebbe accadere ai genitali.


Svenimenti o cadute possono facilmente produrre slogature o strangolamenti, dato che le corde possono essere spinte fuori posto a seguito di uno sforzo inaspettato.


Bondage molto stretti e posizioni con le mani sopra la testa tendono ad essere presenti in molti incidenti dovuti a svenimenti. I corsetti aggravano il problema. Comunque, le sospensioni sono la tecnica bondage che causa svenimenti con maggior facilità, perché produce sollecitazioni straordinarie ed è probabile che renda difficile la respirazione. Recentemente, mi è capitato che una sub svenisse subito dopo essere stata liberata dalla legatura, e che un'altra ci andasse vicino. Fortunatamente, in entrambi i casi, sono stati colti i segni premonitori ed entrambe sono state posate a terra in sicurezza. Siate veramente certi di quello che state facendo, prima di tentare una sospensione.


A rischio di affermare l'ovvio, assicuratevi che ogni punto di fissaggio per le sospensioni sia assolutamente resistente. Per gli agganci a soffitto, potete essere ragionevolmente certi che le travi di sostegno del solaio sono sufficientemente robusti. In ogni caso, i ganci utilizzati devono avere una resistenza certificata ed essere correttamente installati. Mancate la trave, ed il soffitto quasi certamente vi crollerà sulla testa. Garantito che questo ucciderà l'emozione del momento, se non voi od il vostro partner. Gli agganci a parete devono essere fissati su cemento o mattoni con tasselli appropriati al materiale. In caso di dubbio, non esitate a rivolgervi a personale specializzato.


Un punto ulteriore da considerare è cosa può accadere se è il dominante a svenire per qualunque ragione (per esempio, epilessia, incidente o sovreccitazione). Bisogna sempre prevedere un margine sicuro di tempo durante il quale la persona legata possa restare in quelle condizioni senza rischi, sinché il legatore non si riprenda.


 


Incendi ed emergenze


Se dovesse accadere il peggio, quanto velocemente voi e il vostro partner sareste in grado di scappare? E' estremamente facile per una candela od una sigaretta, dimenticate nell'eccitazione del momento, provocare un incendio. Sareste in grado di trovare le forbici di sicurezza in tempo?


Lasciare incustodita una persona legata è semplicemente irresponsabile. Qualunque dei problemi discussi in queste sezioni potrebbe presentarsi e, senza modo di fuggire, le conseguenze potrebbero essere letali.


 


Controindicazioni mediche


Bisogna applicare il buon senso. La mia opinione è che individui affetti da problemi cardiaci, di respirazione, od a cali di lucidità, o semplicemente fuori forma fisica, dovrebbero evitare il Bondage. Il Bondage può essere molto stressante.


Bisognerebbe anche fare attenzione a traumi pregressi di qualunque genere, che potrebbero essere riacutizzati.


 


Bruciature e frammenti di corda


Provate le corde su voi stessi. Girate la corda intorno alla vostra pelle (in un punto morbido e sensibile) e notate quanto velocemente possono scorrere prima di diventare fastidiose. Le corde sintetiche si scaldano a velocità molto più basse di quelle di fibra naturale.


Alcune fibre naturali sono estremamente ruvide e pungenti, per esempio il Sisal. Lavarle o bollirle risolve il problema. Prodotti specifici, o oli come quello di visone, possono essere utilizzati per ammorbidirle ulteriormente. Le fibre in eccesso possono essere bruciate con una candela.


Le corde economiche in polipropilene, come quelle reperibili dai ferramenta o nei negozi di bricolage, vanno evitate perché possono produrre piccole schegge, specie quando diventano vecchie.


 


Soffocamenti, strangolamenti e difficoltà respiratorie.


Per minimizzare il rischio di strangolamento occorre evitare di passare la corda sulla gola o intorno al collo. I cappi sono assolutamente fuori discussione. L'unica configurazione sicura è quella tipo "cavezza" che esercita pressione solo sul retro del collo. Bisogna anche fare attenzione alle corde che potrebbero scivolare fuori posto e finire intorno al collo. Questo rischio si moltiplica durante le sospensioni, o se la persona legata cade o sviene.


Una persona legata non può rimuovere un bavaglio. E' una vostra responsabilità, quindi dovete fare attenzione e non lasciarle mai senza sorveglianza. Non usare mai nulla che possa essere inghiottito, incastrarsi in gola od ostruire le vie respiratorie.


Difficoltà respiratorie possono essere provocate da particolari costrizioni, per esempio della gabbia toracica. Non legate troppo stretto. Ricordate che se aggiungete giri di corda o tirate le legature, la stretta delle corde aumenta.


Certe posizioni possono rendere difficoltosa la respirazione. Anche il grado di stress cui una persona è soggetta può accelerare il rateo di respirazione. Non bisogna mai sottostimare l'effetto che l'essere legati in una posizione obbligata può avere col tempo. I muscoli, se sottoposti a pressione eccessiva, possono affaticarsi, ed il risultato è l'asfissia posizionale. E improbabile che questo accada a qualcuno sottoposto a continua sorveglianza, ma diventa un serio pericolo per qualcuno abbandonato a sé stesso per lungo tempo, o che non riesca a liberarsi da un self bondage.


In particolare, le sospensioni richiedono estrema cura ed attenzione, perché possono trasformare legature normalmente confortevoli in costrizioni capaci di stritolare. Le sospensioni venivano usate come metodo di tortura, nello Shibari originale. Possono uccidere.


Gli incidenti più seri sono il risultato di self bondage o di asfissia autoerotica finiti male. Per esempio, anche ganci antipanico o altri metodi di rilascio rapido, possono diventare impossibili da utilizzare con le mani intorpidite, o se sopravvengono crampi. Il vecchio adagio: "Se qualcosa può andare storto, ci andrà" dovrebbe sempre essere tenuto presente.


 


Circolazione


Un difetto di circolazione crea, al meglio, formicolio ed insensibilità, al peggio può danneggiare e provocare necrosi per mancanza di afflusso sanguigno.


Impedimenti alla circolazione possono essere evitati dando un po' di lasco alle corde. La "Regola delle due dita" dice che dovreste essere in grado di infilare due dita sotto le corde. Tenete d'occhio le corde che si stringono durante il gioco o mentre costruite la legatura. Rendete chiaro al vostro partner che non deve comportarsi da eroe e che deve immediatamente informarvi di ogni formicolio, dolore o perdita di sensazione.


Evitate di applicare nodi sui vasi sanguigni, per esempio all'interno dei polsi. Ugualmente, legate al di sopra delle giunture, non le giunture. Più grossa è la corda e maggiore il numero dei suoi giri, minore è il rischio. Qualunque corda più sottile di 6 mm deve essere evitata per l'uso generale.


Le mani in genere sono le prime a soffrire. Perciò, sia per sicurezza, sia per non dover interrompere la scena prematuramente, è un'ottima idea studiare la figura del bondage in modo che le mani possano essere liberate senza dover sciogliere tutto il resto.


La temperatura corporea è un eccellente indicatore. Controllate quanto sono caldi i piedi e le mani del vostro partner all'inizio della legatura. Se nel corso della scena diventano sensibilmente più freddi, è possibile che la circolazione sia stata impedita. Un altro test è premere un dito della mano o del piede e vedere quanto rapidamente il colore torna nell'unghia. Più lento è il ritorno al colore normale, più lenta è la circolazione.


 


Danni ai nervi


I danni ai nervi sono probabilmente le lesioni più comuni. Possono essere indolori, e quindi occorrere senza preavviso. E possono essere permanenti. Il primo metodo per ridurre il rischio di danni è attenersi scrupolosamente alla Regola delle Due Dita. La seconda è familiarizzare con l'anatomia dei nervi, e dei punti maggiormente a rischio a seguito di una compressione. Ho appena completato la prima versione del mio studio sulle lesioni ai nervi della parte superiore del corpo, con particolare riferimento al box-tie, che credo sia il più completo disponibile al momento (di prossima traduzione). Assicuratevi che il vostro sub ascolti il suo corpo e vi dica se sente qualcosa di strano o una sensazione di disagio. Le prime parole più comuni dopo l'accertamento di una lesione ai nervi sono" Non mi sentivo bene al momento, ma mi stavo divertendo così tanto che non mi andava di dirlo".


I danni ai nervi sono un rischio veramente serio nelle sospensioni, poiché queste incrementato tutti gli sforzi ed i carichi. Parliamoci chiaro, le sospensioni sono un gioco estremo e non sono mai sicure al 100%. Il problema più ricorrente sembra essere il danno al nervo radiale (vedi diagramma sopra). Questo danno è spesso causato quando un Takata Kote (vedi foto sotto) realizzato malamente viene utilizzato come punto di sospensione. Gli errori più comuni sono: non separare e bloccare indipendentemente le componenti; intrappolare le corde che bloccano gli avambracci in quelle della sospensione; includere gli avvolgimenti posteriori nella corda che regola la tensione della sospensione, ed il cattivo posizionamento degli avvolgimenti. Sembrano esserci due principali punti in cui il nervo può essere danneggiato. Il punto più vulnerabile è la parte interna del braccio. Il punto tra il terzo superiore ed il terzo di mezzo del braccio è anche molto vulnerabile, grossomodo dove il nervo scompare dietro l'osso nel diagramma, cioè la zona tra bicipite e tricipite.


Assicuratevi di conoscere il percorso di questo nervo.




Takata Kote


Bisogna fare molta attenzione ai polsi. L'area vulnerabile è quella dei nervi intorno alle giunture, che possono essere danneggiati da legature troppo strette. Evitate le corde troppo sottili, specialmente se non riuscite a formare quella specie di bendaggio ammortizzatore fornito da diversi avvolgimenti di una corda di maggiore spessore. Tenete presente che le legature alle mani possono essere poste in tensione in certe posizioni, per esempio negli Hog-ties e nelle sospensioni, così che potreste perdere il margine di sicurezza che avevate previsto. Tenete sempre d'occhio le legature ai polsi, che sono le prime a creare fastidio. Questo significa che dovete essere in grado di scioglierle facilmente e rapidamente. Se possibile, cercate di assicurarvi che questo possa essere fatto senza dover prima sciogliere altre corde.


 


Slogature


Ovviamente, la forza deve essere usata con attenzione. Spostare un sub legato può sottoporre gli arti a sforzi inaspettati. Le cadute sono, probabilmente, il rischio maggiore, non solo per l'impatto col terreno, ma anche per gli arti, se sono legati ad un oggetto inamovibile. Paranchi e pulegge devono essere usati con attenzione, perché la forza meccanica "extra" che esercitano può facilmente produrre slogature.


Il Dom deve sempre tenere presente il rischio che il sub possa cadere. Avere le braccia legate compromette la capacità di equilibrio. Corde lente od in eccesso possono causare rischi improvvisi. Non è una cattiva idea fissare una corda di sicurezza agganciata a soffitto all'harness del sub se la legatura implica instabilità.


 


Dove non legare


Non intendo scusarmi se ripeto ancora una volta che non dovete mai passare una corda intorno alla gola in modo che possa interferire con la circolazione o con il respiro. Questo vi trascina nel campo del Controllo del Respiro, ed io non intendo entrare nel dibattito se il rischio sia accettabile. Passare la corda sul retro del collo è l'unico metodo sicuro, ed anche questo deve essere fatto in modo che la corda non possa stringere troppo.


In generale, le legature non devono essere posizionate sulle giunture, tranne il bacino, perché questo può interferire con la circolazione o danneggiare i nervi. Assicuratevi di avvolgere le legature al di sopra della parte ossea delle giunture. Lasciate un po' di lasco alle corde, perché spesso il loro fissaggio tende a stringere le legature più di quanto vi aspettate. Applicate la Regola delle due dita.


Ricordatevi sempre che le legature posso scivolare fuori posto o stringersi durante il gioco. Sorvegliatele.


Le aree vulnerabili includono:


Collo/gola


            Trachea - Carotidi - Giugulari - Vertebre cervicali


Ascelle


            Arteria brachiale - Vena brachiale


Bicipite interno


            Arteria brachiale - Nervo cutaneo mediale - Vena cefalica - Vena basilica - Nervo cutaneo mediale


Gomiti


            Nervo cutaneo laterale e posteriore dell'avambraccio.


Interno cosce


            Arteria femorale - Vena femorale


Ginocchia


            Nervi ed arterie


 



Link:

Embed HTML:


Tutti i diritti riservati - LEGAMI.ORG - Regolamento