Nick:  Password:  Ricordami: Cookies non abilitati!    Ricorda Password  REGISTRATI
Home   
BDSM   
News   
Novità   

ConCorsetto   
Gallery   
Forum   
Taccuini   
Puntine   

L'Esperto   
Pervipedia   
Interviste   
Articoli   
Poesie   
Racconti   

Regioni   
Eventi&Feste   
Inserzioni   

Sondaggi   
Links   

Help e FAQ   



Clistere
Risponde: Medico
24/09/2020

Domanda
Buonasera, vorrei chiedervi un consiglio sull’utilizzo del clistere, dopo quanto fa effetto? Quale è meglio usare? Clistere o peretta? Meglio comprarlo già fatto o posso utilizzare dei prodotti naturali? (Tipo la camomilla)Potere consigliarmi qualcosa? Ogni quanto posso farli senza crearmi problemi e essere sempre pulita.
Grazie mille e scusate per le infinite domande.

Risposta
l’effetto del clistere è immediato.
Affinché agisca al meglio è bene trattenere il liquido almeno 15/20 minuti nonostante lo stimolo. Si possono utilizzare quelli in commercio o farseli da soli, nel secondo caso preferire sempre una temperatura media (non troppo caldo che potrebbe ustionare le mucose o troppo freddo che potrebbe vasocostringere e creare dolore)! Camomilla, lavanda, malva e rosmarino sono molto buoni, evita essenze come menta o eucalipto.
URL:    EMBED:



bolla all'ano
Risponde: Medico
17/09/2020

Domanda
Buongiorno,
Sono un uomo di 44 anni e ultimamente mi è spuntato dall’ano come una bollicina situata sull’anello esterno, premetto che quando cammino o sono seduto non mi provoca nessun dolore ne fastidio ma solo se lo premo con un dito mi provoca un lievissimo dolore sopportabile, ogni tanto mi da prurito e quando mi lavo mi brucia lievemente. Inserendoci un dito ho no notato che c’e come un cordolo(penso sia un nervo)dalla stessa della bolla. Cosa può essere e da cosa può essere stato causato?? Posso ugualmente avere rapporti anali o essere penetrato da strapon o dildi?? La prego di rispondermi il prima possibile e nell’attesa porgo distinti saluti.

Risposta
Purtroppo la sua è una domanda che prevede un esame obiettivo (che ovviamente non si può fare virtualmente), però può andare dal suo medico e farsi visita e con una diagnosi in mano saprò dirle se l’attività sessuale anale è sconsigliata o meno e perché.
URL:    EMBED:



anelli ai testicoli
Risponde: Medico
10/09/2020

Domanda
Salve dottore,
ho 55 anni, da circa due anni ho iniziato a dilatare l'uretra con appositi dilatatori, inoltre ho posizionato ben 5 anelli al pene nella zona del glande e due anelli pesanti allo scroto x all'allungamento dei testicoli.Il peso degli anelli è di circa 200g ognuno, ci possono essere degli effetti collaterali?

Grazie

Risposta
Come ogni modifica permanente del corpo porta a dei possibili disturbi estetici e funzionali della parte modificata, anche questa a livello dei genitali può portare con se delle complicanze (non per forza catastrofiche e/o mortali :D) che però potrebbero dare più fastidì che veri e propri problemi.
Faccio un esempio, la permanenza di dilatatori uretrali (corpi estranei) e la dilatazione stessa dell’uretra potrebbero aumentare il rischio di infezioni del tratto urinario in primis e della prostata (uno dei santuari farmacologici ovvero di difficile accesso ai farmaci) in un secondo momento o cose simili.
URL:    EMBED:



Rotella di wartenberg
Risponde: Medico
03/09/2020

Domanda
Ciao Medico,
vorrei sapere se bisogna prestare particolare attenzione nell'utilizzo della rotella di Wartenberg sui capezzoli: se si preme con troppa forza si rischia di creare lesioni irreversibili?
Grazie della risposta e del lavoro prezioso che fate su legami!

Risposta
In teoria lo strumento in questione ha dentini che possono far male su una zona già straziata per altri motivi, ma non sono trancianti quindi a parte rischiare di fare il buchino se si preme con molta pressione non credo si riescano a fare danni irreversibili...
URL:    EMBED:



Ano stretto
Risponde: Medico
27/08/2020

Domanda
Gent.mi esperti,
il mio problema è di vecchia data. Gay, intorno ai 20 anni sviluppai emorroidi e prolasso, e la situazione, nonostante vari tentativi di cura e l'assoluta astinenza sessuale (era tutto ancora di là da venire) peggiorò progressivamente e gravemente fino ai 30, quando in seguito ad una trombizzazione della parte, dovetti subire d'urgenza un intervento abbastanza complesso (si parlò di intussuscezione). La ripresa fu molto lunga e un po' dolorosa. Dopo l'intervento, mi ero accorto che l'ano aveva perso l'elasticità di prima e nonostante da allora non abbia avuto più problemi per le normali evacuazioni, i tentativi (tardivi) di subire una penetrazione (sono solo passivo) mi si rivelarono subito molto difficili, sia per la paura (o meglio terrore) di complicare di nuovo la situazione, sia per l'effettiva strettezza dell'ano ricucito. Quindi, allora, riuscii ad avere pochissimi rapporti completi e neanche facilmente (con membri di calibro ridotto), per poi finire col rinunciare pressoché sempre all'anale, per i motivi di cui sopra.. Questa situazione si protrae ormai da molti anni. Ad un controllo specialistico della parte fatto un po' di tempo fa, è risultato tutto ancora nei limiti della norma, ma non ho mai avuto il coraggio di dire ad un proctologo che avrei sempre voluto praticare l'anale da passivo. Premesso che trovare (e non sono uno che va alla cieca) "calibri" ridotti, almeno per me, finora è stato impossibile.., e che la mia sessualità è fortemente collegata alla passività (e anche alla sottomissione), secondo voi c'è qualcosa da fare per porre anche un minimo rimedio a una condizione così profondamente frustrante?

Risposta
Purtroppo non conosco l’entità dell’intervento chirurgico da te subito ma stando alla descrizione dei fatti direi che molto probabilmente è stato tanto importante in termini di estensione da lasciare sequele alla normale elasticità dello sfintere anale.
L’unica cosa che posso consigliarti, se non vuoi confidarti con il collega che ti ha operato e che è l’unico che conosce bene la risposta ai tuoi dubbi, è quella di provare con il tuo partner con falli finti di dimensioni progressivamente in aumento e sempre ben lubrificati, fermarsi alla dimensione alla quale si inizia a sentire un fastidio e cercare di allenare lo sfintere anale. Anche per capire se è un problema meccanico (lo sfintere non si dilata più come dovrebbe per esito cicatriziale) o se è un tuo blocco mentale visto quello che hai vissuto e provato.
Andare piano piano ma non arrendersi e aumentare progressivamente il calibro, deve essere una cosa molto delicata...non avere fretta!
URL:    EMBED:





Visualizzazione da 1 a 5 di 649 risposte.
1  2  3  4  5  6  7  8  9  10  11  12  13  14  15  16  17  18  19  20  21  22  23  24  25  26  27  28  29  30  31  32  33  34  35  36  37  38  39  40  41  42  43  44  45  46  47  48  49  50  51  52  53  54  55  56  57  58  59  60  61  62  63  64  65  66  67  68  69  70  71  72  73  74  75  76  77  78  79  80  81  82  83  84  85  86  87  88  89  90  91  92  93  94  95  96  97  98  99  100  101  102  103  104  105  106  107  108  109  110  111  112  113  114  115  116  117  118  119  120  121  122  123  124  125  126  127  128  129  130  Pagina successiva  Ultima pagina






Tutti i diritti riservati - LEGAMI.ORG - Regolamento