Nick:  Password:  Ricordami: Cookies non abilitati!    Ricorda Password  REGISTRATI
Home   
BDSM   
News   
Novità   

ConCorsetto   
Gallery   
Forum   
Taccuini   
Puntine   

L'Esperto   
Pervipedia   
Interviste   
Articoli   
Poesie   
Racconti   

Regioni   
Eventi&Feste   
Inserzioni   

Sondaggio in corso!  Sondaggi   
Links   

Help e FAQ   



Quando il gioco non è più un gioco
Risponde: Psicologo
21/11/2013

Domanda
Salve, le scrivo per avere un chiarimento dei rischi connessi al gioco BDSM quando sembra prendere troppo piede nella vita ordinaria. Qualche mese fa ho cominciato a giocare da sottomesso con una persona completamente sconosciuta. All'inizio del rapporto avevo stabilito dei limiti che mi permettessero di tenere sotto controllo la mia vita di tutti i giorni (casa, lavoro, sport, cibo) e questi limiti erano attentamente rispettati. Con il passare del tempo ci siamo conosciuti meglio e la Miss ha iniziato a giocare al bordo dei limiti. Le ho fatto notare più volte quanto per me questo suo comportamento fosse fastidioso, irrispettoso e rischioso.
In tutta risposta la Dea scesa in terra ha deciso che questa era dominazione dal basso, ed ha minacciato di interrompere il rapporto. Per ben tre volte ho ceduto ed abbiamo continuato a giocare sul filo del rasoio. Ha iniziato a darmi ordini su come vestire, mangiare, quando andare al bagno, quando vedere i miei familiari o amici, quando avere rapporti con altre donne. Per evitare di avere problemi, ad una cena a tema - tenutasi in un ristorante frequentato da gente con cui lavoro - mi sono presentato con nome falso e maschera. La cosa non è stata gradita. Tanto che abbiamo discusso e nuovamente messo a rischio il nostro rapporto. Premetto di non avere un rapporto di tipo amoroso con questa donna, ma di essergli affezionato. Questo causa continuamente dei problemi. Non mi permette di esprimermi liberamente nei suoi confronti, come fossimo sempre in gioco e come se realmente io appartenessi a Lei. Le ho più volte ricordato che per me questo è un gioco e non può avere complicazioni nella vita ordinaria e personale. Lei sembra impazzita e asserisce che essendo una sua propietà non ho diritto di parola o azione senza il suo consenso. Non sono tuttavia riuscito a decidere l'interruzione del rapporto, nella vaga speranza che si trovi una soluzione e si torni a giocare come all'inizio. Sono in torto a pensare che non appartengo realmente e sono un essere libero? che questo è solo un gioco? Come dovrei comportarmi?

Risposta
Salve, probabilmente ciò che per lei è un gioco non corrisponde all'idea che la sua MIss ha del BDSM. Nessuno tranne lei sa se è realmente libero o se appartiene a questa donna, mi sembra però, da quel che dice che non riesce ad uscir fuori da una relazione che le sta creando non pochi problemi. Chiarisca una volta per tutte che per lei il BDSM è un gioco da praticare in alcuni contesti e non uno stile di vita ma sia pronto ad accettare anche il punto di vista dell'altro. A volte per essere liberi bisogna saper rinunciare.
URL:    EMBED:



Difficoltà a raggiungere l'orgasmo
Risponde: Medico
14/11/2013

Domanda
Buonasera, vorrei chiedere quali tecniche, psicologiche e pratiche, posso utilizzare per arrivare ad avere l'orgasmo con il mio uomo. Da sola non ho problemi, ma senza penetrazione, solo sfregamento. Con il mio uomo apprezzo enormemente il sesso con lui ma non raggiungo l'apice. Adoro la penetrazione, lui ha tempi che adatta ai miei, ma non ho esito. Non potendo ricorrere ad un terapeuta (discriminante denaro) come posso cercare di aiutarmi? A parte gli esercizi di Kegel, che altri suggerimenti posso avere? Ho 40 anni, due ex mariti, non ho tabù, ma......... manca una fetta importante di sessualità ad un rapporto per il resto perfetto.

Risposta
Presuppongo che non vi siano problemi di lubrificazione e quindi di penetrazione difficoltosa o dolorosa.
Se è sempre stato così, è molto probabile che Tu sia una donna con orgasmo clitorideo al 100%.
Se questo "problema" si è sviluppato nel tempo, non saprei che cosa risponderTi se non dirTi che una valutazione psicologica risulta fondamentale.
URL:    EMBED:



Amare - Come dimenticare un uomo
Risponde: Psicologo
14/11/2013

Domanda
Buonasera, pare banale, ma fa più male di ogni altra ferita. Come dimenticare un uomo, come cancellare dalla mente e dal cuore un uomo che ti ha ferita? Non è una domanda scherzosa, è un problema grosso di chi non riesce più a vivere senza l'uomo con cui ha passato un anno splendido. Poi la scoperta di un'altra donna, in contemporanea. Sono ancora innamorata a distanza di mesi, sempre malata, a letto, persiane chiuse, voglio solo silenzio per pensare a lui e soffrire. Vivere sola aiuta ma è anche pericoloso. Che faccio? Come dimenticare, come riprendere a vivere?

Risposta
Buona sera, le ferite della vita non possiamo cancellarle come un disegno su una lavagna, piuttosto dobbiamo accettare la situazione e cercare di impegnarci in ciò che per noi può avere un significato. Stare a letto a pensare non potrà certo aiutarla ad uscire da questo profondo senso di tristezza e vuoto.
URL:    EMBED:



Senso di Protezione
Risponde: Psicologo
14/11/2013

Domanda
Salve, vivo una relazione Dom/sub dove il mio Padrone dice spesso di sentire un forte senso di protezione nei miei confronti. Questo fa sì che sia molto 'gentile' nei modi di rapportarsi con me e da parte mia sono sicura ci sia anche del sentimento. Visto che però abbiamo circa 15 anni di differenza e lui è diverso rispetto al prototipo di Master mi chiedo, può essere che questa sua sensazione derivi anche da un desiderio di paternità? So che dovrei chiederlo direttamente a lui ma per il momento mi sembra eccessivo e volevo prima un parere secondo la psicologia. Grazie!

Risposta
Salve, dovrei conoscere il suo master per comprendere da cosa deriva il suo comportamento protettivo. Certamente non è solo un desiderio di paternità, a far essere un uomo protettivo,
URL:    EMBED:



Giochi con manette, legali?
Risponde: Avvocato
14/11/2013

Domanda
Buongiorno, sono gay e da lunghissimo tempo mi eccitano i giochi erotici con le manette catene ecc. Cerco pratiche molto soft, limitate nell'ammanettare qualcuno tipo poliziotto prigioniero, senza violenza, foto, esposizione al pubblico né altro. Mi pongo tuttavia una serie di problemi personali. Sotto il profilo del diritto: è legale possedere manette in Italia per privati? Su motori di ricerca, anche giuridici, ho trovato risultati contrastanti. Poi, in caso in cui accidentalmente il sub, ammanettato, cada e si faccia male si rischia una accusa di lesioni colpose? Quali sono altre precauzioni da prendere?
Grazie in anticipo

Risposta
Salve :-)
Occorre un distinguo fondamentale: vi sono manette a vendita libera, commercializzate proprio a fini di gioco.
Ci sono altresì manette vendute solo ai corpi di polizia, il cui acquisto richiede l'esibizione del tesserino di appartenenza all'arma, e il cui possesso illegale importa sequestro del bene e relative sanzioni.
Fra queste, l'aggravante in caso di lesioni colpose che, se non superano i venti giorni e fatte salve per l 'appunto alcune aggravanti, sono promosse a querela della parte offesa; in caso di prognosi più grave il reato è procedibile d'ufficio.
Quanto alle ulteriori precauzioni, in mancanza di qualche espresso riferimento, credo valga il richiamo al SSC e a quanto pubblicato nello scritto su "diritto e bdsm" (Diritto e BDSM, di LordNight - Articoli utili di Legami.org)
URL:    EMBED:





Visualizzazione da 356 a 360 di 656 risposte.
Prima pagina Pagina precedente 1  2  3  4  5  6  7  8  9  10  11  12  13  14  15  16  17  18  19  20  21  22  23  24  25  26  27  28  29  30  31  32  33  34  35  36  37  38  39  40  41  42  43  44  45  46  47  48  49  50  51  52  53  54  55  56  57  58  59  60  61  62  63  64  65  66  67  68  69  70  71  72  73  74  75  76  77  78  79  80  81  82  83  84  85  86  87  88  89  90  91  92  93  94  95  96  97  98  99  100  101  102  103  104  105  106  107  108  109  110  111  112  113  114  115  116  117  118  119  120  121  122  123  124  125  126  127  128  129  130  131  132  Pagina successiva  Ultima pagina






Tutti i diritti riservati - LEGAMI.ORG - Regolamento