Nick:  Password:  Ricordami: Cookies non abilitati!    Ricorda Password  REGISTRATI
Home   
Cos'è il BDSM   
News   
Novità   

ConCorsetto   
Gallery   
Forum   
Taccuini   
Puntine   

L'Esperto   
Pervipedia   
Interviste   
Articoli   
Poesie   
Racconti   

Regioni   
Eventi&Feste   
Inserzioni   

Sondaggi   
Links   

Help e FAQ   


Sostenere I Giovani
di Race Bannon
inserito da Abatenero - 30/06/2015 - Letto 861 volte.

Pubblicato sul Blog di Race Bannon il 12 dicembre 2014. Tradotto e pubblicato su Legami grazie all’esplicito consenso dell’autore, che ringraziamo. Link all’articolo originale: http://bannon.com/2014/12/12/supporting-younger-kinksters/
 
Una versione di questo post fu pubblicata originariamente sul Bay Area Reporter. Troverete l’articolo originale qui.

In un gruppo Facebook composto soprattutto da kinksters gay della Bay Area è sorta una discussione dopo che qualcuno aveva pubblicato un post a proposito della formazione di un gruppo per gente sotto i 40 anni. Questa cosa ha immediatamente suscitato un lungo ed appassionato dibattito per decidere se l’evento fosse discriminatorio ed esclusivista o se fosse semplicemente un tentativo dei più giovani di crearsi un proprio spazio. Mi sono domandato se questa dinamica non si stia manifestando ovunque nella scena kinky. Basandomi sulle mie chiacchierate con gente di tutto il paese, penso di sì.

Al centro di molti dei commenti in questa discussione, così come di altre discussioni che ho seguito, ci sono alcuni punti a proposito dei giovani kinkster e del modo con cui si rapportano coi più anziani sulla scena (incluso me) che mi piacerebbe trattare. So che alcune di queste stesse questioni sono discusse in tutti i settori dell’orientamento e dello spettro sessuale della nostra scena, ma mi concentrerò sulla scena gay maschile perché l’ho visto accadere più da vicino soprattutto in questo campo, recentemente. Comunque, penso che molto di quel che dirò riguardi chiunque.

I giovani che vogliono i loro propri gruppi, eventi e feste sono discriminanti ed esclusivisti.
Io penso che uno degli aspetti negativi dell’iperinclusivismo che domina la nostra scena (e, sì, ci sono anche gli aspetti positivi) è il fatto che ogni volta che qualcuno reclama il suo proprio spazio finisce per essere etichettato come esclusivista, elitario, separatista o qualcos’altro altrettanto negativo. Nella maggior parte dei casi non è nulla di tutto ciò.

Certe volte alcuni gruppi di persone hanno bisogno del loro specifico spazio. Tanto per fare un esempio, ci sono buone ragioni perché la ONYX si formasse come punto di riferimento per i leathermen di colore. Non sempre riescono a vedere se stessi ed i loro problemi rispecchiati in altre situazioni. Hanno cose in comune che altri possono non condividere. ONYX è il tentativo veramente riuscito di dare ad alcune persone che sentono di aver bisogno di un loro specifico spazio un posto dove sentirsi al sicuro e comprese. Se è così per la gente di colore, per le donne, per le trans, ed altri che ugualmente sentono il bisogno di avere il loro proprio spazio, perché dovrebbe essere differente per i giovani.

Sei troppo giovane per essere un Dom, un Master, un Signore, un Capo o una qualunque variante di Top in una dinamica di potere.
Detto in una parola, stronzate. Questo particolare ritornello mi irrita personalmente perché la mia prima incarnazione come leatherman è stata completamente dalla prospettiva Dom a partire dai 19 anni di età. Svalutare i giovani che si identificano in,  o giocano da, una prospettiva Dom è semplicemente insultante. Conosco ragazzi giovanissimi che sono dei Dom brillanti e conosco dei leathermen di lungo corso, con decenni di cosiddetta esperienza sulle spalle, che sono, francamente, dei Dom terribili. Non ho trovato alcuna correlazione tra la lunghezza del periodo di presenza sulla scena o l’età e l’essere o meno un buon Top in una dinamica di potere.

I giovani dovrebbero conformare la loro identità e la loro vita kinky secondo gli schemi del passato.
Lo scontro che talvolta si apre  tra i vecchi leathermen che sono stati sulla scena per un pezzo ed i giovani appena arrivati è ormai leggendario. Spesso mi viene da scherzare paragonando qualcuno di noialtri anziani ad un vecchio brontolone che se ne viene fuori a gridare a qualche ragazzino: “Non calpestare il mio prato!”.

L’assunto automatico di certi anziani sembra essere che giusto perché le loro identità erotiche, i loro modi di giocare ed i loro costrutti sociali apparivano e funzionavano in un certo modo significa che i giovani ci si debbano adeguare. No, non devono. La storia ed il passato sono qualcosa da cui imparare, ma raramente qualcosa da copiare alla lettera. I tampi cambiano. Tutto cambia, inclusa la nostra scena. Perciò è del tutto naturale che i giovani configurino le loro identità, relazioni, stili di gioco e di interazione in maniera differente delle loro controparti più anziane.

Ai miei compagmi anziani che sono infastiditi da questo, non ho che un consiglio da dare – lasciate stare. I tempi cambiano. Lasciate che i giovani si creino le loro proprie relazioni e comunità esattamente come facemmo noi decenni fa.

Il tuo kink sembra differente dal mio. Quindi lo stai facendo nel modo sbagliato.
Questo punto è correlato al precedente, ma in un modo un po’ differente. Col mutamento della scena, è emersa la popolarità di certe inclinazioni sessuali, particolarmente tra i giovani. Quando entrai io nella scena, non c’erano molti pet player, o feticisti del latex (almeno non negli USA), o sportivi, e così via. Ma indovinate un po’? Ormai fanno parte della nostra scena, ed il loro genio non tornerà dentro la bottiglia. Ogni generazione vuole imprimere il suo marchio su quello che sta facendo. Perché la loro sessualità dovrebbe essere differente? Io penso che la diversità dell’espressione sessuale sia un vantaggio, non un difetto.

I club, le organizzazioni ed i gruppi dovrebbero essere diretti dagli anziani e dai più esperti.
Anche se c’è una qualche senso nell’affidarne la conduzione a chi ha una certa esperienza in queste cose, ci sono anche controindicazioni. Ho visto anziani trincerarsi dietro modi di pensare rigidi, spesso limitandosi a replicare vecchi modi di fare le cose invece di tentare qualcosa di nuovo ed innovativo.

Qualche volta i gruppi hanno bisogno di un po’ di aria fresca, quando si tratta di chi dirige questi gruppi, ed i giovani possono offrire nuove prospettive. I giovani spesso affrontano più volentieri i rischi, pensano in modi differenti, e fanno riferimento ad un cultura più moderna per dar forma alle loro decisioni. Impiegare i giovani nel governo delle organizzazioni probabilmente migliorerà la loro efficacia e servirà meglio l’intero spettro dei loro associati.

 
Potrei proporre molte altre critiche che ho sentito addossare ai giovani, ma alla fine devo ancora trovare un qualche argomento che sostenga che i giovani sono meno capaci o meno autentici dei loro colleghi più anziani che regga ad un serio scrutinio.

Io sono un vecchio leatherman che è incredibilmente felice nel vedere i giovani plasmare e cambiare la scena in qualcosa che certamente sembra un po’ diverso da quel che era una volta, ma che credo abbia maggior respiro e maggiore profondità in termini della variabilità di identità e di preferenze che abbraccia. E penso che sia una buona cosa.



Link:

Embed HTML:


Tutti i diritti riservati - LEGAMI.ORG - Regolamento