Nick:  Password:  Ricordami: Cookies non abilitati!    Ricorda Password  REGISTRATI
Home   
BDSM   
News   
Novità   

ConCorsetto   
Gallery   
Forum   
Taccuini   
Puntine   

L'Esperto   
Pervipedia   
Interviste   
Articoli   
Poesie   
Racconti   

Regioni   
Eventi&Feste   
Inserzioni   

Sondaggi   
Links   

Help e FAQ   



Pissing nell'ano o vagina
Risponde: Medico
24/03/2016

Domanda
Volevo sapere quali sono i rischi che si corrono nel caso di pissing direttamente nell'ano o nella vagina.
grazie!

Risposta
A livello anale poco o nulla, il problema potrebbe essere di carattere infettivo a livello vaginale.
Con possibili vaginiti/ vulviti ed uretriti.
URL:    EMBED:



Pissing: dosi e sicurezza
Risponde: Medico
17/03/2016

Domanda
Vorrei gentilmente chiedere: quanta urina e' ragionevole ingoiare in un singolo giorno senza andare incontro a problemi di salute?

Sto per incontrare una Mistress, passeremo insieme 5 giorni e sembra decisamente interessata in quei giorni a farmi bere la sua urina il piu possibile, credo che idealmente vorrebbe che la bevessi ogni volta che lei abbia necessita di farla o comunque finche non arrivo al limite della sopportazione.

Se davvero mi spingessi a berla cosi tanto, ritiene che possa andare incontro a qualche problema di salute? Chiaramente dando per scontato che la donatrice sia completamente sana.

Il fatto che si sia rifatta il seno 5 mesi fa, puo avere qualche effetto indesiderato che influisca con il pissing?
Grazie

Risposta
La mastoplastica additiva o riduttiva se fatta solo per un fatto estetico e non per motivi di salute non è in nessun modo una controindicazione al pissing, purtroppo sulla quantità non non so aiutarla, l'unica raccomandazione è quella di idratarsi molto tra una sessione e l'altra in quanto le urine, essendo uno scarto potrebbero affaticare i reni.
URL:    EMBED:



Tracce di rapporti anali
Risponde: Medico
10/03/2016

Domanda
Ho avuto sporadici rapporti anali risalenti a circa due anni fa. Durante una visita prostatica il medico può accorgersi che ci sono stati quei rapporti? Per me sarebbe imbarazzante, considerato che con il medico ho rapporti di conoscenza.

Risposta
a meno che i rapporti anali in questione non abbiano determinato un rilassamento dello sfintere non dovrebbe notare nulla. E anche lo notasse non è assolutamente tenuto ad indagare.
URL:    EMBED:



Dilatazioni anali prolungate
Risponde: Medico
10/03/2016

Domanda
Buonasera, vorremmo sapere se utilizzando oggetti anali di grosse dimensioni 6 -8cm di diametro, inseriti gradualmente e ben lubrificati ma lasciati in loco per 8 ore al giorno per varie settimane in maniera continuativa, si rischia che l'ano per quanto elastico non torni a stringersi, rischiando incontinenza anche in la con l'età.
Grazie

Risposta
Basandomi sulla sola letteratura scientifica non esistono studi in merito. Rispondendo con il buon senso e l'esperienza acquisita dico che il rischio c'è, dato che le fibre che costituiscono lo sfintere anale come tutte le fibre elastiche vanno incontro ad usura e a punti di rottura. Anche se aumentati gradualmente i diametri e usando lubrificanti specifici.
URL:    EMBED:



Rapporti orali non protetti
Risponde: Medico
06/03/2016

Domanda
Vorrei gentilmente sapere se le malattie veneree e/o infezioni contratte tramite rapporti orali non protetti, si possono contrarre solo tramite l'emissione e l'ingoio di sperma o anche se l'emissione non avviene?? Grazie mille e distinti saluti.

Risposta
Dipende dalle malattie veneree in questione.
L'HIV e l'HCV, ad esempio per contrarle è necessario il contatto sangue-sangue.

Errata Corrige: nella risposta in oggetto non venivano menzionati come possibili vettori i liquidi biologici come sperma e secreti vaginali e latte materno, questo perché, per scelta (troppo affrettata) dello scrivente, voleva passasse un concetto fondamentale ovvero che l'infezione da HIV, di cui tutti hanno paura (giustificata), non è semplicissimo che si realizzi rispetto ad altre malattie sessualmente trasmissibili che sono meno "sponsorizzate" ma che si possono contrarre con maggiore frequenza e facilità e che lasciano a volte importanti sequele. Di fatto perché il virus dell'HIV riesca a fare danno deve entrare in circolo nel torrente circolatorio o in siti di infiammazione in atto, questo perché sono le due condizioni in cui può entrare in contatto con le sue cellule bersaglio ovvero i linfociti T helper.
Di seguito trovate dei link scelti sempre dallo scrivente per poter approfondire l'argomento in modo esaustivo:
- http://www.ospedalecardarelli.it/infopatologie/aree-terapeutiche/infettivologia/trasmissione-dellhiv/
- http://www.aids.ch/it/domande/protezione-rischio/zero-rischio.php
- http://www.lila.it/it/infoaids/50-donne-e-hiv/330-hiv-aids-l’essenziale-in-sintesi
URL:    EMBED:





Visualizzazione da 126 a 130 di 440 risposte.
Prima pagina Pagina precedente 1  2  3  4  5  6  7  8  9  10  11  12  13  14  15  16  17  18  19  20  21  22  23  24  25  26  27  28  29  30  31  32  33  34  35  36  37  38  39  40  41  42  43  44  45  46  47  48  49  50  51  52  53  54  55  56  57  58  59  60  61  62  63  64  65  66  67  68  69  70  71  72  73  74  75  76  77  78  79  80  81  82  83  84  85  86  87  88  Pagina successiva  Ultima pagina






Tutti i diritti riservati - LEGAMI.ORG - Regolamento